Archivio agosto 2013

Il sito del New York Times nelle mani del Syrian Electronic Army

Gli hacker filo siriani hanno colpito il sito del quotidiano statunitense, quello di immagini twimg.com ed il dominio britannico di Twitter. Minacciate ritorsioni anche contro l’Huffington Post.

Syrian-Electronic-Army-The-ShadowNella notte prime avvisaglie di guerra sul fronte siriano. Teatro delle ostilità, la rete. A calcare la scena il Syrian Electronic Army che poco dopo le 23 ha annunciato di aver preso possesso del dominio twitter.co.uk e di averlo messo off-line (anche se secondo alcuni commenti non verificati si tratterebbe di una bufala). Quel che invece è certo è che pochi minuti dopo un altro clamoroso colpo è stato effettivamente messo a segno dal gruppo hacker. A finire nel mirino uno dei siti più letti al mondo: quello del New York Times. Il sito del quotidiano statunitense è stato messo fuori uso e l’incursione rivendicata con un messaggio («Hacked by SEA») lasciato in bella mostra nella sua homepage prima che questa diventasse irraggiungibile. Non è chiaro quale tecnica sia stata utilizzata per prendere il controllo dei server del giornale ma quanti provavano ad accedervi venivano automaticamente rediretti ad un indirizzo IP di provenienza russa. L’attacco è stato confermato dallo stesso New York Times: inizialmente con un tweet che riferiva di generiche «difficoltà tecniche» ed in un secondo momento da un articolo di Christian Haughney. I dipendenti del Times sarebbero stati inoltre costretti ad interrompere l’invio di email per evitare che informazioni sensibili potessero finire nelle mani degli hacker pro Assad. In tutto il periodo del blackout il NYT ha però continuato a pubblicare notizie su una versione minimale del sito. Mentre la notizia balzava in cima alla lista dei trending topics globali è arrivato l’ultimo colpo di scena: intorno all’una, il SEA ha dichiarato di aver preso il controllo del sito di immagini twimg.com (anch’esso di proprietà di Twitter) ed ha minacciato ritorsioni contro l’Huffington Post. Prosegui la lettura »

, , , , , ,

Nessun commento

La vendetta di Obama: Bradley Manning condannato a 35 anni

È questo il prezzo che Bradley Manning dovrà pagare per aver diffuso il video “Collateral Murder” e 750000 documenti riservati dell’esercito statunitense. Ma la vittoria della Casa Bianca nella guerra ai leaks sembra più lontana che mai. E l’immagine di Obama va in pezzi.

information-wants-to-be-free1Sono le 10.18 a Fort Meade, Maryland, quando il martello del giudice Denise Lind si abbatte sul destino di Bradley Manning. Trentacinque anni. Tanti ne dovrà trascorrere, sepolto tra le mura di una prigione, il confidente di Wikileaks, colpevole di aver consegnato all’organizzazione di Julian Assange 250000 cablo diplomatici ed oltre mezzo milione di dossier militari segreti che contenevano le prove delle atrocità perpetrate dagli Stati Uniti in Iraq ed Afghanistan. Un verdetto accolto in lacrime da David Coombs, avvocato di Manning, che durante una conferenza stampa in serata dichiarerà come questa pena sia la più pesante mai comminata ad un suo cliente: in passato a nessun altro dei suoi assistiti, neanche a soldati macchiatisi dell’omicidio di civili inermi, era mai stato inflitto un trattamento altrettanto duro. Si tratta in realtà della pena più alta mai imposta negli Stati Uniti ad un informatore degli organi di stampa.

Dal cuore dell’impero – Fort Meade è infatti il quartier generale dell’NSA – la sentenza fa il giro della rete in un lampo. E provoca reazioni durissime. Pochi minuti prima della sua lettura si scatena in rete un tweetstorm veicolato dall’hastag #BecauseofBradleyManning che raccoglie iniziative di solidarietà nei confronti del soldato statunitense: si propagherà fino a tarda notte entrando nei trending topics globali. Amnesty International si appella ad Obama perché la pena di Manning sia commutata e venga fatta luce sui crimini da lui rivelati. Il Center for Constitutional Rights, storica organizzazione sorta negli anni ’60 per la difesa dei diritti civili, si dichiara «indignata» per il ricorso all’Espionage Act – una legge del 1917 considerata «arcaica e screditata» – pur di raggiungere una condanna. L’ACLU (American Civil Liberty Union) denuncia la sproporzione della sentenza rispetto a quelle emesse contro chi si rende protagonista di crimini di guerra. Ad usare i toni più duri però è Gleen Greenwald, giornalista del Guardian, che dal suo account twitter scrive «Obama admin: we aggressively prosecute those who expose war crimes, and diligently protect those who commit them». Parole queste che rispecchiano un sentiment trasversalmente diffuso in rete e che accomuna in modo unanime giornalisti, Anonymous, organizzazioni per i diritti civili, attivisti e semplici cittadini. Prosegui la lettura »

, , , , , , , , , , ,

Nessun commento

Una guerra lampo in 140 caratteri

Volete scatenare tempeste d’informazione sulle teste dei vostri avversari? Volete far esplodere i vostri messaggi in rete e colpire il leviatano alle ginocchia con frammenti impazziti di bit? Se la risposta è si, Blitzkrieg Tweet è il libro che fa per voi

blitzkrieg_coverIl sapere, è noto, non è fatto per comprendere ma per prendere posizione. Un’affermazione che sembra tanto più vera quando ci si ritrova tra le mani Blitzkrieg Tweet. Come farsi esplodere in rete, l’ultimo libro di Francesco De Collibus: dalla sua lettura, statene certi, trarrete spunti preziosi per decidere come schierare le vostre truppe sul campo di battaglia dell’informazione.

Una premessa è doverosa. L’autore (filosofo, informatico ed animatore di spinoza.it) non ha dato alle stampe l’ennesimo manuale di guerriglia marketing su come diventare popolari in rete. O almeno, non sembra essere stato mosso da quest’unico intento. Certo, il libro è denso di suggerimenti su come concepire le vostre bombe mediatiche, influenzare l’opinione pubblica edincendiare il terreno della comunicazione (possibilmente senza farvi terra bruciata intorno). Ma allo stesse tempo, sotto la superficie delle 130 gustose pagine pubblicate da Agenzia X scorre come un fiume carsico una stimolante riflessione sulla rete, le ambivalenze dei fenomeni sociali che l’attraversano ed i pericoli che ne stanno mettendo a repentaglio la libertà. Prosegui la lettura »

, , , , , , ,

Nessun commento

Freepto: crypto USB per attivisti

Oggi vi presentiamo il vostro nuovo computer. È gratuito, è libero, è sicuro, è facile da usare, sta in una pennetta che potete portare sempre con voi. Ed è pensato apposta per chi fa attivismo politico.

freepto_coverMala tempora currunt. E se l’informazione è un campo di battaglia, per combattere dobbiamo dotarci di conoscenze ed attrezzature adeguate. Abbiamo bisogno di oggetti tecnologici su cui poter far affidamento in ogni evenienza e durante qualsiasi momento della giornata. Abbiamo bisogno di artefatti digitali semplici ma allo stesso tempo manipolabili per raggiungere livelli di complessità che non avremmo pensato possibili. Abbiamo bisogno di strumenti che ci permettano di muoverci con un occhio all’immediato ed uno all’infinito. Freepto è uno di questi.

WTF?? FREEPTO?!?

Si, Freepto, una distribuzione linux live, avviabile da chiavetta USB e da avere sempre con se. E quindi? Niente di nuovo diranno alcuni. Sbagliato. Perché alla base di Freepto c’è un’idea semplice, che la rende unica nel suo genere: quella di creare un sistema operativo che risponda alle esigenze degli attivisti. Prosegui la lettura »

, , , , , , , , , , ,

Nessun commento