Archivio febbraio 2012

Anonymous a fianco di Luca e della Val Susa. Attaccati i siti di polizia e carabinieri

La straordinaria mobilitazione di decine di città italiane in solidarietà alla Val di Susa dopo i gravissimi fatti della mattinata, ha trovato una sponda anche in rete. Mentre la circolazione ferroviaria su tutto il territorio nazionale andava in tilt dopo l’occupazione di alcuni snodi vitali (come le stazioni di Roma e Bologna) Anonymous attaccava i siti www.poliziadistato.it e www.carabinieri.it bloccandoli fino a notte. Obbiettivi senz’altro ghiotti, il cui abbattimento ha suscitato entusiasmo tanto nei social network quanto nelle piazze dove è stata data comunicazione della notizia.

Il primo colpo (contro il sito della polizia) è stato messo a segno intorno alle ore 18.30 mentre un’ora e mezza più tardi, quando ancora molti cortei erano in movimento su tutto il territorio nazionale e puntavano al blocco delle stazioni dei treni, migliaia di connessioni hanno congestionato i server dei carabinieri. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Informazioni di parte – Intervento di Federico Montanari

Dopo aver trascritto gli interventi di Silvano Cacciari e Carlo Formenti, continuiamo la pubblicazione del ciclo di incontri “Informazioni di Parte. Per un nuovo mediattivismo tra disordine globale e narrazioni insorgenti”, tenutosi lo scorso maggio presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna. È la volta di Federico Montanari, docente di semiotica dell’Alma Mater ed autore de “I linguaggi della guerra”, che, interrogandosi sulla natura relazionale e strategica del potere, pone sul piano del dibattito alcune importante questioni.

È possibile ripensare l’egemonia come una stratificazione di tante piccole egemonie? Che ruolo giocano in questa prospettiva concetti come narratività ed estetica? Quali sono le modularità con cui l’egemonia viene espressa e proiettata nei diversi medium? Ed infine quali sono i nuovi soggetti emergenti all’interno delle rivolte arabe che hanno punteggiato il mediterraneo di conflitti nel 2011? Prosegui la lettura »

, , , , ,

Nessun commento

#OpGreece. La lunga notte di Anonymous

La voce corre rapida, sincopata tra una canale e l’altro: cenni, parole sussurrate, link ed hashtag. Chiaro, nulla di ufficiale. Quando mai c’è qualcosa di ufficiale sui network di Anonymous? «In strada sta piovendo merda. Se al parlamento greco passa il pacchetto con le misure di austerità ci muoviamo. State pronti». In Grecia mancano pochi minuti a mezzanotte ma le case nei sobborghi della capitale sono vuote. Tutti per strada ad Atene, Salonicco, Creta, con gli scontri che proseguono incessanti dal tardo pomeriggio ed accendono le luci della città. Intanto sulla chat IRC #OpGreece, repentinamente popolatasi, si segue in diretta lo spoglio del voto. Il solito caos linguistico dei momenti più concitati: la fa da padrone l’inglese, su cui di tanto in tanto però ha il sopravvento un turbine eccitato di idiomi. E infatti arriva puntuale il richiamo degli operatori del canale «English please!». Ma si sa, questo è il prezzo da pagare per il supporto degli internazionali accorsi a dare man forte alle proteste del popolo greco. Prosegui la lettura »

, , , , ,

1 Commento

Informazioni di Parte – Intervento di Carlo Formenti

Dopo aver pubblicato il contributo di SIlvano Cacciari, continuiamo la trascrizione del ciclo di incontri “Informazioni di Parte. Per un nuovo mediattivismo tra disordine globale e narrazioni insorgenti”, tenutisi lo scorso maggio presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna. È questa volta il turno dell’intervento di Carlo Formenti, docente di Scienza della comunicazione all’università di Lecce ed autore di testi importantissimi per una lettura critica dei mutamenti economici, sociologici e politici avvenuti a partire dall’emersione di internet come terreno di produzione immateriale e conflitto, quali “Mercanti di Futuro”,” Cybersoviet”, “Se Questa è Democrazia” ed il suo ultimo “Felici e sfruttati”.

Un intervento, il cui portato è di un’attualità scottante, all’interno del quale vengono presi in esame ed esplorati i terreni di scontro su cui oggi si stanno giocando i processi di costruzione dell’egemonia nelle loro diverse sfaccettature (mediale, finanziaria, politica e culturale). Dalle rivolte arabe alle lotte degli operai cinesi, dalla Silicon Valley fino alle fabbriche della Foxconn, Formenti con la consueta lucidità getta uno sguardo d’insieme sulle insorgenze verificatesi nell’ultimo anno, offrendo sponde di riflessione ed affrontando nodi teorici che spetta all’informazione di parte sciogliere nella pratica quotidiana.

Nelle prossime settimane pubblicheremo l’intervento di Federico Montanari, l’ultimo dei tre relatori del ciclo di incontri. Prosegui la lettura »

, , , , , ,

Nessun commento