Sceriffi della rete e cyber-ronde


In attesa del parere della Commissione Europea e della World Intellectual Property Organization (WIPO) sulla tanto discussa delibera AGCOM, in questi giorni è stata presentata in parlamento, da 19 deputati del Pdl tra cui Elena Centemero e Santo Versace , una proposta di legge “in materia di responsabilità e di obblighi dei prestatori di servizi della società dell’informazione e per il contrasto delle violazioni dei diritti di proprietà industriale operate mediante la rete interne”. Un disegno di legge identico a quello presentato in estate dal leghista Fava (alla faccia del diritto d’autore!).

Si tratta di 2 articoli che vanno a modificare rispettivamente gli art. 16 (Responsabilità nell’attività di memorizzazione di informazioni – hosting) e 17 (Assenza dell’obbligo generale di sorveglianza) del decreto legislativo n. 70 del 2003.

Nella prima parte si obbligano i provider a rimuovere e disabilitare l’accesso a risorse che violano il copyright o che promuovo il commercio di marchi contraffatti, ma a differenza della normativa odierna a poter “avvertire” il provider non sarà soltanto l’autorità competente ma “qualunque soggetto interessato ”. Utenti propensi alla censura che si trasformano in cyber-ronde al servizio del diritto d’autore. Tutto questo senza passare attraverso l’autorità giudiziaria e senza, di fatto, la necessità, né la possibilità, di controllare l’effettiva natura delle accuse prima di proseguire con la cancellazione, la disabilitazione o il blocco dell’accesso.

La seconda parte che prevede la non responsabilità preventiva e, come da titolo, “l’assenza dell’obbligo generale di sorveglianza” è ancora più inquietante e al tempo stesso contraddittoria. Infatti il testo dell’articolo prevede la responsabilità civile e penale per il “prestatore che non abbia adempiuto al dovere di diligenza che è ragionevole attendersi da esso e che è previsto dal diritto al fine di individuare e prevenire taluni tipi di attività illecite”, altro che assenza dell’obbligo di sorveglianza. Inoltre i provider per adempire al loro dovere di poliziotti della rete dovranno adottare filtri preventivi atti ad impedire l’accesso a contenuti illeciti e infine stilare delle vere e proprie liste di utenti recidivi a cui impedire l’accesso alle piattaforme o addirittura alla rete stessa, una sorta di HADOPI all’italiana.

Insomma un ulteriore attacco ai diritti dei netizens nostrani e potere assoluto nelle mani dei provider stimolati dalle lobbies. A preoccupare è soprattutto la velocità con cui la proposta si sta muovendo, molto probabilmente per fare da sponda alla delibera AGCOM prevista per novembre. Un duro colpo anche per l’e-commerce, in un momento in cui, tra manovre lacrime e sangue, si vorrebbe far pagare i costi della crisi ai soliti noti per difendere i profitti di pochi. La partita è ancora tutta aperta, la posta in gioco altissima e le rivendicazioni delle piazze virtuali non faranno altro che portare ulteriore rabbia e indignazione in quelle piazze reali che già stanno scaldando i motori in vista del 15 ottobre e di un autunno-inverno che si preannunciano davvero molto, molto caldi.

InfoFreeFlow (@infofreeflow) per Infoaut

, , ,

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)