Archivio aprile 2008

Intervista ad Info Free Flow – Parte 3

Parliamo di Social Network, su cui avete organizzato anche un incontro. Per
alcuni infrastrutture come Myspace o Facebook sono dei grandi contenitori
di relazioni sociali che catalogano minuziosamente le pratiche on-line delle persone che ne usufruiscono. Per altri, invece, il valore intrinseco
e monetario di tali infrastrutture dipende dal numero di persone e dalla
soddisfazione emozionale che riescono a dare. In questo senso si può dire
che siamo di fronte a "assets" estremamente ambigui e rischiosi?

Mi spiego,se da una parte Murdoch può accedere a tutta una serie di
informazioni che producono valore dall’altra e’ strettamente legato
alla soddisfazione e all’investimento emotivo che le persone veicolano
verso Myspace. Non e’ questo un esempio di controllo dell’"utenza" nel
medesimo tempo di sudditanza da essa?

La domanda è interessante e crediamo debba avere una risposta il più
possibile esaustiva.

Per rispondere però è necessario dare uno sguardo ampio alla natura dei
social network, in particolare modo per quanto riguarda il loro aspetto economico.

In questo senso vorremmo riportarti un po’ l’esperienza e le
riflessioni di AND, un ragazzo che abbiamo conosciuto all’hackmeeting a
Pisa e che ha tenuto all’ ultima edizione di IFF un workshop proprio sulla questione dei social network. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Intervista ad Info Free Flow – Parte 2

… continua da parte 1

Proprietà intellettuale e copyright,
una necessaria medicina da
ingurgitare, o un diga al libero flusso creativo?

È tautologico sostenere che la proprietà intellettuale svolga effettivamente il ruolo di benzina dei “motori intellettuali” sociali e che senza di essa le opere dell’ingegno smetterebbero di proliferare e diffondersi.
Si tratta di un’affermazione, che è diventata comunemente accettata grazie a 30 anni di propaganda martellante a senso unico.

Anche dando solo uno sguardo superficiale ai meccanismi del capitalismo applicato all’informazione ci rendiamo subito conto del perché.
Il ciclo tipico della produzione capitalista

concezione –> produzione –> distribuzione –> consumo

viene sostituito da

concezione –> riproduzione delle informazioni –> produzione –> distruzione –> consumo

Questo cosa significa? Prosegui la lettura »

Nessun commento

Intervista ad Info Free Flow – Parte 1

Recentemente abbiamo rilasciato un’ intervista per ZIC , all’interno della quale siamo andati a gettare uno sguardo sul nostro percorso, i suoi approcci teorici e pratici, gli incontri fatti lungo la strada.a ripubblichiamo qui integralmente su NoBlogs, sperando così di poter dare un contributo al dibattito su tematiche come social network, sorveglianza e controllo e web 2.0

Inutile sottolineare che commenti, spunti ed invettive sono sempre ben accette.

Potete trovare il pdf dell’intervista a questo link

Prosegui la lettura »

Nessun commento

Web 2.0: Entropy of Selfmanaged Networks versus Distopy of Transparence

TRADUZIONE IN ITALIANO

This year Info Free Flow‘s hank has unravelled through various interdisciplinary moments: as a miniature social network, this time an "analogical" one, heterogeneous tools were employed for a comparate examination of our technological milieu, tagging diversely from time to time the phenomena which interest us, and from which we are interested, and socializing them with others. In other words, by doing networking.

Networking means gathering heterogeneous experiences, reprocessing one’s acknowledgements in the light of others’ contributions and self-building physical, digital and mental frames appropriate to help progressing the exchange of ideas.
However, this is not enough. Crossing the main themes of last years’ computer science debate, a critique of the networking tool becomes appropriate in regard to a serie of its fruition nodes: what communicate and what not (privacy), by which means that can be achieved (web 2.0 rather than darknets), how to ensure data and profiles portability, which usage will be made of them (licence of appropriation of the transmitted information/knowledge by third parties and profiling).
However, two are the fields that define the type of network we are going to criticize; that is, the network infrastructure and hardware and the range of users that relate themselves to it with their own practices. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Web 2.0: Entropia delle Reti Autogestite contro Distopia della Trasparenza

ENGLISH TRANSLATION 

Quest’anno la matassa di Info Free Flow si è dipanata in diversi momenti interdisciplinari: come un network sociale, in questo caso "analogico", in miniatura ci si è avvalsi di strumenti eterogenei per una disamina comparata del nostro ambito tecnologico, attribuendo etichette diverse di volta in volta ai fenomeni ai/dai quali ci siamo interessati e socializzandole con gli altri. In altre parole, facendo networking.

Networking vuol dire riunire esperienze eterogenee, rielaborare il proprio vissuto alla luce dei contributi altrui e autocostruire le infrastrutture fisiche, digitali e mentali più adatte ad aiutare la progressione del
confronto.  
Tuttavia ciò non basta. Attraversando i principali temi del dibattito informatico degli ultimi anni, diventa opportuna la critica dello strumento del networking rispetto a tutta una serie di nodi della sua fruizione: cosa comunicare e cosa no (privacy), tramite quali canali farlo (web 2.0 piuttosto che Darknet), come garantire la portabilità di dati e profili, che uso ne verrà fatto (licenza di appropriazione dell’informazione/conoscenza trasmessa da parte di terzi e profilazione).

Due sono comunque gli ambiti che definiscono il tipo di network che andiamo a criticare, cioé l’infrastruttura e l’hardware di rete e l’insieme degli utenti che vi si rapporta con le proprie pratiche. Prosegui la lettura »

2 Commenti

Costruire una cantenna

Con la traduzione di questo tutorial andiamo brevemente a spiegare il metodo per l’autocostruzione di una cantenna, capace di amplificare il segnale della vostra penna wireless. Il tutto con una spesa spendendo pochi spiccioli in un qualsiasi supermercato.  Potete trovare altre informazioni relative all’autocostruzione di antenne a questo link.

Prosegui la lettura »

11 Commenti